Guide crittografiche di base e professionali

Panoramica dei portafogli crittografici

Molte persone dicono spesso che le criptovalute sono "immagazzinate" nei portafogli, ma questo è tecnicamente sbagliato. I fondi sono archiviati sulla blockchain: un registro distribuito e decentralizzato che è la spina dorsale dell'ecosistema delle criptovalute. I wallet, a loro volta, contengono dati importanti che consentono all'utente di accedere a questi fondi direttamente all'interno della blockchain e, se opportunamente gestiti, ne garantiscono l'archiviazione sicura. Oggi parleremo del dispositivo dei portafogli, della loro classificazione e daremo un elenco di quelli più convenienti per l'utente finale, in termini di confronto delle loro funzioni. Come funzionano i portafogli di criptovaluta? Per lavorare con le criptovalute, di solito è necessario un software speciale: si tratta di un programma di portafoglio integrato in un ambiente software, di scambio o hardware. Consente all'utente di lavorare con la blockchain e creare transazioni o ricevere trasferimenti al proprio indirizzo.Ogni portafoglio, indipendentemente dall'ambiente operativo, contiene chiavi private e pubbliche.

9.8
9.6
9.4

La chiave pubblica è una stringa digitale che chiunque può vedere. Consiste in una serie di lettere e simboli e viene utilizzato quando si inviano fondi a un portafoglio.

Una chiave privata è una sorta di chiave di sicurezza composta da una serie di numeri casuali generati crittograficamente che non possono essere violati. In effetti, è un numero esadecimale a 256 bit o 32 byte creato per firmare le traduzioni.

La transazione firmata viene inviata alla rete e, una volta approvata, raggiunge il destinatario. È sicuro utilizzare i portafogli di criptovaluta? Nei sistemi di criptovaluta, la sicurezza e l'integrità del tuo account sono garantite da una rete di agenti (trasferimento di file segmentato o trasferimento di file da più fonti) che vengono verificati dai minatori. Proteggono la rete mantenendo un'elevata velocità degli algoritmi di elaborazione.

L'hacking della sicurezza delle criptovalute esistenti è matematicamente possibile, ma il costo per ottenerlo è inaccettabilmente alto. Ad esempio, un utente malintenzionato che cerca di ingannare la blockchain BTC in una doppia spesa avrebbe bisogno di una potenza di calcolo che superi la potenza di tutti i miner nel sistema. Ma anche in questo caso non avrà tutte le capacità di controllo. Un hacker deve superare la soglia di potenza del 51% per avvicinarsi anche a questo obiettivo. Che scelta c'è Un portafoglio non custodito è un tipo di portafoglio decentralizzato in cui il cliente possiede le sue chiavi private. L'utente riceve un file con chiavi private e deve scrivere una frase mnemonica con la quale può ripristinare l'accesso ai suoi fondi. Avere chiavi private significa che l'utente ha il pieno controllo sui fondi. Tuttavia, va tenuto presente che il pieno controllo del denaro significa anche che solo il consumatore è pienamente responsabile dei propri fondi.

Al contrario, un portafoglio custode è un tipo di portafoglio digitale in cui le chiavi private e tutti i dati, ovvero protezione, fondi, vengono sottoposti a backup dallo sviluppatore.

Dal punto di vista dell'utente, ovviamente, un wallet non custodial è l'opzione più accettabile, perché in questo caso gli aggressori non potranno però sottrarre asset se ci si affida al fattore umano e si lascia la probabilità di fare Errori, quindi tenere in custodia i fondi portafogli (non in tutti i casi), fa ben sperare nel recupero dei fondi persi.

I portafogli che contengono la valuta possono essere classificati in:

Scambi del portafoglio del custode. Per la maggior parte, le chiavi sugli scambi vengono generate e rimangono sui server dello sviluppatore senza raggiungere i dispositivi degli utenti.

Portafogli software. ci sono anche alcuni portafogli software, come FreeWallet, che memorizzano i dati sui loro server. Tuttavia, non ci sono molti di questi servizi.

Portafogli non custodito Portafogli software. I portafogli software possono essere mobili o computerizzati e scaricati direttamente sul tuo dispositivo.

Portafogli web. Questi portafogli sono più apprezzati dagli utenti inesperti e dalle persone che commerciano molto. I portafogli web sono solitamente offerti sui siti web dei principali scambi di criptovaluta. Possono memorizzare qualsiasi valuta acquistata, aiutare a venderla rapidamente o trasferirla ad altri utenti. La popolarità di questo tipo di portafogli è dovuta alla possibilità di vendere rapidamente e facilmente varie monete ed effettuare trasferimenti direttamente sul sito, il che è molto conveniente per gli utenti inesperti. I portafogli Web sono ottimi anche perché sono accessibili tramite un browser da qualsiasi parte del mondo. Ciò ti consente di gestire sempre i fondi se devi pagare qualcosa o effettuare un trasferimento. Il problema principale con tali portafogli è la presenza di potenziali rischi di attacchi di hacker, quindi immagazzinare grandi fondi in essi è molto pericoloso. Nonostante il fatto che i rispettivi siti facciano del loro meglio per garantire la sicurezza dei portafogli offerti, non possono controllare i computer di altre persone e trovare virus e spyware su di essi, con i quali gli hacker rubano denaro dai loro account.

Portafogli mobili. I portafogli mobili vengono solitamente utilizzati per conservare piccole somme di denaro e anche molto impressionanti. Sempre più negozi in tutto il mondo stanno iniziando ad accettare pagamenti in Bitcoin o Ethereum, quindi è conveniente memorizzare alcuni di questi token in un portafoglio mobile nel caso in cui l'utente debba pagare qualcosa.

Portafogli di carta. Il paper wallet è considerato il meccanismo di archiviazione delle criptovalute più sicuro. Per utilizzarli, l'utente stampa le chiavi su carta e le integra in un portafoglio online.